High-dose Radiotherapy for Oligo-progressive NSCLC Receiving EGFR Tyrosine Kinase Inhibitors: Real World Data

2020 Jul-Aug;34(4):2009-2014. doi: 10.21873/invivo.11999. PMID: 32606174; PMCID: PMC7439904.

Background/obiettivo: I trattamenti ablativi locali per il tumore polmonare non a piccole cellule mutato non a piccole cellule oligo-progressive, EGFR (mut-NCSLC) possono migliorare il controllo a lungo termine della malattia e la sopravvivenza. Abbiamo analizzato l’efficacia della radioterapia ipofrazionata ad alte dosi (HDRT), in associazione con gli inibitori della tirosina chinasi EGFR prolungata (TKI) in oligo-progressivi, EGFR mutante NSCLC.

Pazienti e metodi: Sono state valutate la sopravvivenza libera da progressione-1 (PFS-1, data di inizio della terapia TKI fino a oligo-progressione o morte) e la sopravvivenza libera da progressione-2 (PFS-2, data di progressione focale fino a ulteriore progressione o morte).

Risultati: Sono stati analizzati trentasei pazienti. La PFS 1 mediana è stata di 12,5 mesi. L’HDHRT consisteva in RT modulata in intensità e RT stereotassica in 23 (64%) e 13 (36%) pazienti rispettivamente. La PFS mediana 2 era di 6,3 mesi. La sopravvivenza complessiva è stata di 38,7 mesi.

Conclusione: La terapia ipofrazionata HDRT più TKI, è associata ad un significativo prolungamento del controllo della malattia (PFS complessivo: 18,8 mesi), con effetti collaterali gestibili. Questi dati reali supportano l’uso di approcci ablativi locali nell’EGFR mut-NSCLC oligo-progressivo.