Analisi preliminare dei fattori demografici ed eziopatogenetici in pazienti affetti da carcinoma vescicale a medio rischio di recidiva

© Wichtig Ed i t o re, 2004
[versione in PDF]

CO M U N I C A Z I O N I Urologia / Vol. 71 no. 2, 2004 / pp. 1

“TITOLO BREVE”: Fattori di rischio ambientali nel carcinoma vescicale a medio rischio di recidiva

Analisi preliminare dei fattori demografici ed eziopatogenetici in pazienti affetti da carcinoma vescicale a medio rischio di recidiva

  1. V. SERRETTA1, V. ALT I E R I2, G. MORG I A3, M. RINELLA1, D. ABBA D E S S A1, A. DI LA L LO4, G. T E S TA5, A. GALLO6, D. MELLO N I7, MAG N O7, M. MOTTA8, M. PAVO N E – M AC A LU S O1, F. P. SELVAG G I9,
  2. A. BA RTO LOTTA1 0, D. SBLENDORIO1 1, P. ANNESE1 2, R. ALLEGRO1 E I MEMBRI DEL GRUPPO

STUDIO TUMORI URO LOGICI (GSTU) E DEL GRUPPO URO – O N CO LO G I CO CAMPANO (GUOC)

1Ist. Urologia, Un i versità di Palermo, Pa l e r m o

2Ist. Urologia, Un i versità di Napoli, Napoli

3Ist. Urologia, Un i versità di Sassari, Sa s s a r i

4Di v. Urologia, Os p. Civile, Campobasso

5Di v. Urologia, Os p. Civile Monaldi, Na p o l i ,

6Di v. Urologia, Istituto Nazionale Tumori Pascale, Napoli, Na p o l i

7Ist. Urologia, Un i versità di Messina, Me s s i n a

8Ist. Urologia, Un i versità di Catania

9Ist. Urologia, Un i versità di Bari, Ba r i

1 0Os p. Civile, Di v. Urologia, Pa rtinico (Pa l e r m o )

1 1Di v. Urologia, Os p. Civile, Carbonara (Ba r i )

1 2Di v. Urologia, Os p. Civile, Ma t e r a

 

Environmental risk factors in superficial bladder cancer

AB S T R A C T: As a pre l i m i n a ry approach to define the object of larger case-control studies, the distribution of potential risk factors coming from environmental pollution among patients

affected by superficial bladder cancer (TCCB) has been analyzed.

MAT E R I A L E ME T H O D S. The analysis included only patients affected by medium risk superficial

TCCB. Forty Italian urological centres joined the study. Detailed information about age, sex,

re s i d e n c y, employment, active and passive cigarette smoking, water resource, hair-dye use

w e re centralized. All patients underwent TUR and early intravesical chemotherapy. The distribution of the above mentioned environmental factors was related to tumor characteristics

such as multiplicity and previous natural history.

RE S U LT S. Until today 474 patients have been recruited, 182 (38.4%) with primary tumors and

293 (61.8%) with multiple lesions. Over 80% of the patients lived in urban areas, 20% were employed in industry at risk for bladder cancer and 8% used hair dye. Forty percent of the patients were smokers, with a median smoking period of 30 years. Bottled water was the

only water resource in 42% of cases. At multivariate statistical analysis a significant correlation between tumor multiplicity and employment in industry (p<0.01) and between past

natural history and period of cigarette smoking (p<0.05) was found. Pre l i m i n a r l y, an interesting

trend was detected for a correlation between water resource and bladder cancer in

non-smoking patients. The municipal water system was the main water resource more frequently in non-smokers (75% vs 53%). This might imply a pathogenic role of water pollution

and chlorination. (Urologia 2004; 71: 1)

KE Y W O R D S: Bladder carcinoma, risk factors, environment, pollution, water supply

PA R O L E C H I AV E : Carcinoma vescicale, fumo, acqua, ambiente, eziopatogenesi

In t ro d u z i o n e

In Italia, nel 2000, il carcinoma vescicale ha mostrato un’incidenza pari a 51.8 per 100000 abitanti e una mortalità  pari a 15.4.  Numerosi  studi hanno  confermato  quali fattori di rischio l’occupazione  e il fumo di sigaretta. È verosimile che molteplici fattori siano coinvolti nell’ eziopatogenesi del tumore vescicale. La sede di  residenza  e  la  risorsa  idrica,  ambedue  correlabili  con  l’inquinamento  ambientale,  si  prospettano  come possibili fattori di rischio, ma sono stati solo raramente oggetto di studio (1-2).

Nel maggio 2002, è stato attivato dal Gruppo Studio Tumori Urologici (GSTU) uno studio multicentrico nell’ Italia meridionale, con lo scopo di analizzare la distribuzione di alcuni fattori di rischio in una popolazione di pazienti affetti da carc i n o m a vescicale superficiale a medio rischio di recidiva.

Materiale e Me t o d i

Sono stati selezionati pazienti affetti da carcinoma superficiale  a cellule transizionali a medio rischio di recidiva (Ta-T1, G1-G2) (Ta b.I). Dalla presente analisi sono stati pertanto esclusi tumori primitivi singoli (Ta G1-2), tumori T1G3 e Tis. Tutti i pazienti sono stati sottoposti a chemioterapia endovescicale adiuvante, con inizio entro 6 ore dalla re s ezione endoscopica. Sono state centralizzate informazioni quali l’età, il sesso, il luogo di nascita, l’ambiente di residenza, l’attività lavorativa, l’ esposizione al fumo attivo e passivo, l’uso di tintura per capelli ed il tipo di risorsa idrica. Viene presentata l’analisi della distribuzione dei suddetti fattori nella popolazione in studio.

R i s u l t a t i

Sono  stati  sino  ad  oggi  reclutati  474  pazienti,  412  uomini  e  62  donne,  di età  media  pari  a 68  anni. Duecentonovantadue  (61.6%) presentavano  neoplasie primitive e 182 (38.4%) recidive; 181 (38.2%) tumori singoli e 293 (61.8%) multipli. La distribuzione dei diversi fattori di rischio è riportata nella tabella I e nel Grafico 1. L’81% dei pazienti risiede in ambiente urbano. Il 20% dei pazienti svolge un’attività  lavorativa nell’industria ed il 20% nel settore agricolo. Il 7.6% adopera tintura dei capelli. Il 42% dei pazienti beve acqua in bottiglia, il 33% acqua di acquedotto. Il 75% dei pazienti sono fumatori (in media 20 sigarette al giorno). Il

24.1% dei pazienti sono stati esposti al fumo passivo. Il periodo medio di uso di tintura per capelli è risultato pari a 14 anni, mentre quello di esposizione al fumo pari a 33 anni. Il tipo di risorsa idrica nell’ambito della popolazione  in  esame  è  riportato  nel  Grafico  2.  Da  l  l’analisi  multivariata  è  emersa  una  correlazione statisticamente significativa:

  1. 1. tra impiego nell’industria e molteplicità della neoplasie (p<0.01)
  2. 2. tra periodo di esposizione al fumo e storia naturale (p=0.05).

È stato inoltre evidenziato che nei non fumatori rispetto ai fumatori, prevale l’uso di acqua non imbottigliata (75% vs 53%). Questa differenza  raggiunge  significatività  statistica  (p<0.001)  ed il trend  rilevato  potrebbe segnalare un ruolo co-fattoriale della risorsa idrica.

R i a s s u n t o

Nell’Italia meridionale e insulare è stato condotto – dal maggio 2002 – uno studio osservazionale che ha coinvolto  40 centri urologici,  con lo scopo di analizzare  la distribuzione  di alcuni fattori di rischio in una popolazione di pazienti con carcinoma vescicale superficiale a medio rischio di recidiva.

Sono stati sino ad oggi reclutati 474 pazienti. L’81% dei pazienti risiede in ambiente urbano. Il 20% svolge un’ attività lavorativa nell’industria. Il 7.6% adopera tintura dei capelli. Il 42% dei pazienti beve acqua in bottiglia. Il 75% è fumatore. Una correlazione statisticamente significativa è stata evidenziata tra impiego nell’industria e molteplicità della neoplasie (p<0.01) e tra periodo di esposizione al fumo e recidività (p<0.05). È stato inoltre evidenziato che nei non fumatori, rispetto ai fumatori, pre vale l’uso di acqua non imbottigliata (75% vs 53%). Questa differenza raggiunge significatività statistica (p<0.001) ed il trend rilevato potrebbe segnalare un ruolo cofattoriale della risorsa idrica.

Conclusioni

Dal  presente  studio  emerge  una  correlazione  tra  attività  lavorativa  a  rischio  e  molteplicità  della

neoplasia e tra periodo di esposizione al fumo e numero di recidive. Emerge, inoltre, una correlazione nei pazienti non fumatori tra risorsa idrica e carcinoma vescicale, meritevole di più ampi studi epidemiologici caso-controllo.

R i n g r a z i a m e n t i

Questo studio è stato possibile solo per la costruttiva collaborazione dei seguenti co-autori

  1. Vaccarella (Palermo), L. Salzano (Be n e ve n t o ) , G. Ruggero (Telese Terme, Benevento), A. Zito (Torre del Greco, Napoli), L. Borruso (Salemi, Trapani),
  2. S. Chincoli (Trani, Bari), F. Vacirca, C. Cammarata

(Caltanissetta), A. Armenio (Palermo ) ,

N.S. Simone (Caserta), F. Falvo (Catanzaro), M. Gentile (Avellino), D. Nicolosi (Catania), A. Masala (Napoli), M Napoli (Trapani), A. Bizzini (Caltagirone), A. D’Elia (Castellaneta, Taranto), F. Aragona (Catania), E. Gange (Palermo), V. Ricci

Barbini (San Giovanni Rotondo, Foggia), A. Spampinato

(Taormina, Messina), G. Curto (Palermo ) ,

  1. Raguso (Ma rtina Franca, Taranto), Q. Paola (Sciacca, Agrigento), A. Crimi (Castellamare di Stabia ,

Napoli), V. Cicalese (Avellino), ed i membri tutti

del Gruppo Studio Tumori Urologici (GSTU) e del

Gruppo Uro – Oncologico Campano (GUOC). R i c e rca condotta grazie al finanziamento M.I.U.R. R1D470P0QJ2001.

In d i r i z zo degli Au t o r i : Vi n c e n zo Ser retta, M.D. 
90145 Pa l e r m o
vs e r re t t a @ l i b e ro. i t

 

Bi b l i o g r a f i a

  1. 1. C M Villanueva, F Fernández, N Malats, J O Grimalt and M Kogevinas. Meta-analysis of studies on individual consumption of chlorinated drinking water and bladder cancer. Journal of Epidemiology and Community Health 2003;57:166-173.
  2. 2. Mark Moyad. Bladder cancer prevention. Part I: what do I tell my patients about lifestyle changes

and dietary supplements? Curr Opin Urol. 2003 Sep; 13(5): 363-78.

Tabella I ESPOSIZIONE AL FUMO ED ALLA TINTURA DEI CAPELLI NELLA POPOLAZIONE CONSIDERATA

FUMO DI SIGARETTA

Pazienti e fumo FumatoriEx-fumatoriNon fumatori 196 (41.6%)156 (33.1%)119 (25.3%)
Fumatori e filtro Sigarette con filtroSigarette senza filtro 187 (95.4%)9 (4.6%)
Fumatori e numero di sigarette giornaliere RangeMedia e medianaFuma < di 10 sig/die Fuma tra 10 e 19 sig/die Fuma tra 20 e 29 sig/die Fuma almeno 30 sig/die 3 – 60 sigarette20 sigarette16 (8.2%)61 (31.1%)82 (41.8%)37 (18.9%)
Fumatori e anni di esposizione al fumo RangeMediaMedianaFuma da meno di 11 anni Fuma da 11|–| 20 anni Fuma da oltre 20 anni 10 – 60 anni32.9 anni30 anni7 (3.7%)46 (24.5%)135 (71.8%)
Pazienti e tintura Usa tinturaNon usa tintura 36   (7.6%)435 (92.4%)
Anni di esposizione alla tintura di capelli RangeMediaMediana 1 – 40 anni14.1 anni10 anni

 

TINTURA DI CAPELLI

ATTIVITÀ LAVORATIVA
Terziario 253 (55,1%)
Agricoltura 91 (19,8%)
Industria 88 (19,2%)
Casalinghe 27 (5,9%)

Grafico 1 Distribuzione dei pazienti secondo i fattori di rischio considerati

graf1

 

 

Grafico 2 Distribuzione dei pazienti secondo il tipo di risorsa idrica utilizzata

graf2

 

Lascia un commento